Guida all’acquisto di un green screen su Amazon

(nella foto: la mia postazione di lavoro con il mio personalissimo “Griend Large” da cm. 200 x 210)

Con questo articolo ho deciso di togliermi le vesti di imprenditore/brand builder di Griend (la mia soluzione di green screening) ed indossare esclusivamente quelle di streamer, e cioè di utilizzatore di altri prodotti per fare green screening che io stesso ho acquistato e testato nel corso degli ultimi anni prima di Griend. Insomma, se stai cercando una soluzione pratica di green screening, leggendo questa recensione ti farai un quadro decente (e ti posso garantire tutto sommato obiettivo) delle possibilità offerte oggi dal mercato in fatto di schermi verdi per chromakey. Prima di tutto il modo migliore per fare shopping è centrare bene i problemi da risolvere, in tal caso il PERCHÈ stai cercando un green screen. Provo ad indovinare. I tuoi problemi tipicamente sono due:

 

1) Privacy

Desideri un modo per nascondere dall’inquadratura l’ambiente in cui ti trovi. Questa scelta, oltre a rappresentare una tutela per te ed i tuoi cari (ad esempio non vuoi mostrare la tua abitazione o ufficio, oppure i tuoi colleghi, parenti o conviventi, specie se minorenni), è anche una grande comodità: utilizzare uno schermo protettivo ti consente infatti di fregartene della necessità di preparare o arredare con cura un ambiente per le tue live. Preparare un “set” non è d’altronde sempre facile, ed in ogni caso esoso sia in termini economici (acquisto di mobili, pareti, tende, finestre, quadri, accessori…) che di fatica e tempo.

 

2) Engagement

Desideri un modo per migliorare la qualità, e quindi le performance, delle tue live. Uno sfondo di colore uniforme (come il verde) ha grande utilità in termini visuali poiché rende “essenziale” la tua scena ponendo te e soltanto te al centro della stessa. Ciò si traduce in maggiore attenzione da parte dei tuoi ascoltatori che, come puoi immaginare, non verranno distratti da eventuali oggetti o persone (ancora peggio se troppi o addirittura in movimento) che dovessero venire inquadrati alle tue spalle. Nel caso invece in cui volessi cambiare la scena, sostituendola con un’immagine o un video in presa diretta che abbia un “look” coerente con il tuo brand, no problem: potrai usufruire della funzione chromakey (disponibile in quasi tutti i software di streaming e video editing) applicata al colore verde uniforme alle tue spalle. In questo modo darai vita ad una produzione… spettacolare!

 

Quali prodotti risolvono i due problemi esposti?

Come anticipavo te ne presento alcuni (con tanto di link per acquistarli su Amazon direttamente partendo da questo sito). Sì, hai capito bene: credo che non parlare della “concorrenza” faccia sempre un torto al cliente e che la cosa più importante non sia venderti per forza il mio green screen ma solo e soltanto fare in modo che tu raggiunga LA TUA SODDISFAZIONE. Dopotutto, e sarò ancora più onesto, se deciderai di non acquistare il mio Griend optando per uno dei prodotti concorrenti qui elencati, ne trarrò comunque un guadagno (una piccolissima, più che altro simbolica, commissione sulla vendita che Amazon mi pagherà se acquisterai dai miei link). Spero che apprezzerai la trasparenza con cui ti parlo. 🙂

 

Dopo questa doverosa premessa… here we go!

Il kit completo con struttura e fondali in tre colori

Il kit proposto da Amxdel si compone di due sostegni/treppiedi regolabili in alluminio verniciato, con asta orizzontale sempre in alluminio, a formare una grande struttura rettangolare a cui apporre con pinze il telo green screen. Nel kit oltre al telo verde sono inclusi due teli di colore bianco e nero, tutti di dimensioni di 2 metri per 1.6 metri, e la borsa per il trasporto. La struttura montata misura invece al massimo 3 metri in larghezza x 2 metri in altezza. Quando lo acquistai pensai che potesse essere una soluzione definitiva per tutti gli usi, quindi anche per il live streaming, invece mi sbagliavo! Infatti lo reputo adatto per riprese occasionali di oggetti o persone a figura intera, ma attenzione: solo di bassa statura visto che, nonostante l’ampia struttura, ciascun telo è molto piccolo. Ma se scrivo “riprese occasionali” il motivo è un altro: montare e smontare il kit richiede un bel po’ di tempo, inoltre il telo in cotone viene fornito piegato, e ciò richiede una “stiratura a vapore” prima di ogni uso (diversamente le pieghe, che nella scena si notano, rischiano di falsare l’effetto chromakey). Insomma lo trovo accettabile per singole specifiche video produzioni in “one-shot” (nelle quali viene montato, usato e smontato, e non di certo lasciato per lungo tempo visto il grande ingombro), ma davvero poco adatto per il live streaming. Ricapitolando, viste le caratteristiche esposte risolve solo parzialmente i problemi di privacy ed engagement: sconsigliato assolutamente se si dispone di poco spazio, ok invece per chi dispone di grande spazio con la possibilità, se non si ha l’occhio troppo “fine”, di lasciarlo montato accostato ad una parete a tempo indeterminato. Per acquistarlo: https://amzn.to/3uXrd9F

Il grande telo verde (senza struttura)

Si tratta di un telo verde molto grande, di ben 3 metri per 2 metri, in poliestere di buona qualità. Ho deciso di acquistarlo per abbinarlo alla struttura in alluminio di cui sopra che presentava purtroppo un telo troppo piccolo. La resa cromatica di questo telo è sicuramente migliore, con un verde leggermente più scuro rispetto a quello in dotazione con il kit. Lo reputo un buon prodotto se abbinato alla struttura, ma è possibile utilizzarlo anche singolarmente applicandolo in modo alternativo, ad esempio con dei tiranti (non inclusi). Nel telo c’è un’asola all’interno della quale è possibile inserire un tubolare purché di lunghezza di almeno tre metri. Nella confezione sono incluse comunque anche 4 utili pinze in plastica. Ho usato questo telo per qualche tempo e con una certa soddisfazione. Tuttavia non potendo lasciare la struttura ed il telo montati (poiché occupano molto spazio e sono antiestetici) sono stato costretto a metterlo da parte optando per altra soluzione (leggi il prossimo paragrafo per capire quale). Per acquistarlo: https://amzn.to/3mEmd6N

La soluzione definitiva (?): il green screen portatile di Elgato

Facendo seguito alla mia sempre più incombente necessità da streamer e video producer di dotarmi di una soluzione più completa e soprattutto più pratica per l’eventuale montaggio e smontaggio del green screen, ad un certo punto mi sono convinto ad acquistare un green screen portatile. Dopo alcune ricerche non c’è voluto molto tempo per scoprire che in questo “settore” il brand leader ha un nome e si chiama Elgato e che il suo modello di punta è il 10GAF9901. Quello di Elgado è un prodotto, in quanto rollup, per certi versi simile al mio Griend, ma con tre differenze:

  • Il rollup si blocca con un telaio pneumatico.
  • La dimensione massima è di cm. 148 in larghezza per cm. 180 in altezza.
  • Ha un prezzo mediamente più alto.

Tuttavia, nonostante le ottime recensioni, ho deciso di non acquistarlo. Il motivo? Ancora una volta non mi avrebbe completamente soddisfatto. Infatti nel caso di Griend:

  • Il rollup si blocca con semplici aste in alluminio.
  • La dimensione massima è di ben cm. 200 in larghezza per cm. 210 in altezza.
  • Ha un prezzo inferiore.

Certo, un sistema di bloccaggio come quello dell’Elgato mi avrebbe fatto risparmiare tempo rispetto al Griend! Ma quanto? Griend si monta in circa 60 secondi, l’Elgato probabilmente in pochi istanti. Figo! Ma diciamo la verità: non è un risparmio di tempo così decisivo! Ma il motivo principale che mi ha convinto a propendere per Griend (facendone, ciliegina sulla torta, uno dei miei brand!) non è né la differenza irrisoria nel tempo di montaggio, né il prezzo più basso ma… le sue dimensioni ben maggiori!

Riflettici anche tu: Con il metro e mezzo in larghezza ed il metro e ottanta di altezza dell’Elgado hai spazio sufficiente per strimmare benissimo le tue dirette, ok. Ma se volessi usarlo per inquadrare non uno ma due streamer vicini, oppure usarlo in ambito video-fotografico (in sostituzione al kit di cui sopra) quello spazio non ti basterebbe! Con Griend Large (qui la sua scheda prodotto) invece puoi farlo, ed il motivo è che anche se si tratta di un prodotto meno figo è decisamente più versatile ed amico della tua privacy!

Ad ogni modo questo articolo come promesso vuole essere obiettivo, per cui non ho alcun problema a ribadirlo. Il green screen portatile di Elgado è comunque un ottimo prodotto e se non hai le mie stesse esigenze (avere un prodotto multifunzione oltre che portatile) dovresti farlo tuo. 🙂 Per acquistarlo: https://amzn.to/3a7QZjs

Leo Cascio

Guida all’acquisto di un green screen su Amazon